Menu Content/Inhalt
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Share/notice

Home
Software libero e "open source" Print E-mail
Friday, 07 September 2007 09:38

di Angelo Raffaele Meo, Politecnico di Torino

L'articolo è stato riprodotto da Mondo Digitale, numero 2 - Giugno 2002 con l'autorizzazione dell'autore e dell'editore

Dopo una breve storia del movimento del software libero e delle sue realiizzazioni più importanti GNU, Linux, Internet, Apache - si discutono le ragioni per le quali alcuni studiosi ritengono il sofdtware libero preferibile al software proprietariodai punti di vidsta di qualità, manutenibilità e sicurezza. Infine, si disegna schematicamente lo scenario del nuovo comparto industriale costruito sui primi prodotti, comprensivo dell'informatica "embedded", delle applicazioni in tempo reale e degli apparati e sistemi per le telecomunicazioni.

Negli ultimi anni, il dibattito entro la comunità degli informatici sul software "libero" e sul software "open source" si è fatto particolarmente vivace. Moltissimi studiosi e operatori del settore hanno portato contributi interessanti nonostante la frequente contrapposizione delle opinioni espresse. Infatti, non soltanto i sostenitori del software libero si sono spesso scontrati con i difensori del software proprietario, ma anche fra le varie fazioni del software libero il dibattito è stato acceso e a volte violento.

Nel seguito di questo articolo si evidenzia il fatto che software "libero" e software "open source" non sono sinonimi, anche se i due concetti sono strettamente legati fra loro.

Proprio lo scontro fra i rivoluzionari del software libero e i riformisti dell' "open source", il prodotto di un amore contrastato fra solidarietà e mercato, costituisce uno dei capitoli più interessanti di questo dibattito.

L'autore di questo articolo crede nel pluralismo ma è un fanatico sostenitore del software libero. Per questa ragione ha disatteso in parte l'invito della redazione della rivista a parlare di "open source", preferendo parlare prevalentemente di software libero.

Il primo paragrafo contiene una breve storia del movimento del software libero, della sua ideologia e delle realizzazioni più importanti: GNU, Linux, Internet. Il secondo paragrafo è dedicato a un'analisi delle ragioni per le quali l'autore considera il software libero superiore a quello proprietario dal triplice punto di vista della qualità, manutenibilità e sicurezza. Il terzo paragrafo descrive sinteticamente il comparto industriale che si sta costituendo sulle fondamenta delle prime realizzazioni del software libero e che si estende anche fuori dei tradizionali prodotti per l'ufficio, lo studio e la fabbrica abbracciando l'informatica "embedded" in migliaia di prodotti industriali, i sistemi di controllo in tempo reale, gli apparati e i sistemi per le telecomunicazioni.

L'autore, infine, auspica che i modelli di business del software libero, più vicini a quelli dell'artigiano che a quelli della grande industria, si diffondano rendendo possibile uno sviluppo più equo e armonico, con le stesse opportunità per le grandi e piccole imprese, per i Paesi ricchi ed evoluti e quelli in via di sviluppo.

  • BREVE STORIA DEL SOFTWARE LIBERO
    • Richard Stallman e il progetto GNU
    • La "Free Software Foundation" e la sua ideologia
    • La Torre di Babele delle libertà del software: il copyleft
    • Linux Torwalds e Linux
  • QUALITÀ ASSISTENZA e SICUREZZA
    • Qualità del software libero e di quello proprietario
    • Assistenza tecnica
    • Sicurezza
  • L'INDUSTRIA DEL SOFTWARE LIBERO e OPEN SOURCE
    • Gli operatori puri del software libero
    • Il software libero alla guerra
    • La guerra civile delle licenze
    • Tempo reale e automazione
    • Il Software libero "incastonato"
    • Software libero e Telecomunicazioni
  • UN NUOVO MODELLO DELLO SVILUPPO?
    • Modelli di business del software libero e di quello proprietario
    • La ragione più importante della convenienza del software libero
Last Updated on Friday, 14 November 2008 10:59
 
designed by www.madeyourweb.com