StarOffice 7.0 - valutazioni Print
Wednesday, 12 September 2007 08:03

16.2.2004

 

Modalità e tempi di acquisizione

Esistenza, qualità e completezza della documentazione

Possibilità di assistenza on-line

Caratteristiche hardware richieste

Modalità, tempi e difficoltà di installazione

Tempi di avviamento

Pro e Contro

Database

Conclusioni

 

MODALITÀ E TEMPI DI ACQUISIZIONE

Nella convenzione Sun-MIUR è prevista la distribuzione gratuita di un cdrom con suite e documentazione.

Il programma ci è stato fornito da Sun Microystems Italia durante l'incontro di presentazione della convenzione tenutosi nell'autunno 2003 a Genova, ma può essere richiesto telefonicamente. Arriva tramite corriere entro quattro giorni lavorativi. La fornitura consiste in un Cd-rom contenente il seguente materiale:

Directory Contenuto
addon File dei dizionari localizzati ed istruzioni per la relativa installazione
documentation Manuali di installazione ed uso in formato PDF, Acrobat ReaderT per tutti i sistemi operativi supportati
linux File di installazione di StarOffice 6.0 ed Adabas per Linux
solia File di installazione e patch di StarOffice 6.0 per Solaris su hardware i386
solsparc File di installazione e patch di StarOffice 6.0 ed Adabas per Solaris su hardware SPARC
windows File di installazione di StarOffice 6.0 ed Adabas per Windows

 

 

 

 

 

 

 

 

^top

ESISTENZA, QUALITà E COMPLETEZZA DELLA DOCUMENTAZIONE

Nel cd fornito da Sun, sono presenti tre manuali in formato pdf ed html: SETUP, BASIC_GUIDE e MANUAL. Nella precedente versione non era presente BASIC.

Il primo (SETUP) accompagna passo passo l'utente durante la procedura di installazione e per alcune operazioni di configurazione (stampanti, fax, PDF,...). Il linguaggio è chiaro e la descrizione puntuale e completa. In realtà la procedura d'installazione è semplificata da un wizard (percorso guidato d'installazione) con minime richieste di informazioni all'utente e quindi non necessita di particolari competenze.
Nel manuale vengono descritte sia la procedura di installazione monoutente che quella multiutente nelle due modalità server e workstation. Inoltre, in ogni cartella del cd è presente un file README con ulteriori informazioni aggiuntive. Una piccola osservazione: le istruzioni per l'installazione dei dizionari non sono contenute in questo manuale ma in un file a parte, in questa posizione: <unità CD-ROM>/addon/README.TXT. È una scelta incomprensibile che può disorientare gli utenti meno esperti, sarebbe stato più coerente includerla nel manuale SETUP e dotarla, magari, anche di una procedura automatica d'installazione.

BASIC è rivolto ai programmatori e descrive il linguaggio StarBasic presente nella suite. A differenza degli altri manuali, questo non è in lingua italiana, ma in inglese. La traduzione italiana è comunque disponibile in rete in formato PDF nel sito SUN.

MANUAL è un voluminoso manuale utente di circa 500 pagine che contiene istruzioni d'uso sulla totalità delle operazioni e funzioni di StarOffice.
È apprezzabile la presenza delle versioni html che ne facilita la consultazione, e che non era presente in StarOffice, la 6.0. È' invece perlomeno curiosa, l'assenza di una versione nel formato nativo di StarOffice.

Nel sito Sun è presente ulteriore documentazione scaricabile liberamente. Deve essere segnalato che i manuali d'installazione di Adabas sono piuttosto scarni d'informazioni.

^top

POSSIBILITÀ DI ASSISTENZA ON LINE

StarOffice è prodotto e distribuito da Sun Misrosystem con il supporto della comunità OpenOffice.org. Il costo della licenza, rispetto a quello di molti prodotti concorrenti, è più contenuto.

Per le scuole che aderiscono alla convenzione tra MIUR e SUN il prodotto è supportato gratuitamente, come si legge nel testo integrale della convenzione:

"Il software è attualmente supportato gratuitamente via web all'indirizzo:
http://support-central.de/office/support.jsp?Country=IT. I soggetti richiedenti l'assistenza tecnica gratuita via web dovranno formulare i propri quesiti e riceveranno risposte in lingua inglese
"

Nella convenzione non è specificato alcun obbligo da parte della Sun di garantire tale servizio per un tempo definito.

Nel sito Sun sono presenti molti servizi di supporto agli utenti: due elenchi di FAQ in italiano e in inglese, alcuni forum.
Inoltre, nelle pagine sul sito Sun dedicate a StarOffice è presente la voce Communities & Resources che rimanda ad una pagina che illustra il rapporto collaborativo con il team di OpenOffice e contiene dei link relativi a risorse in linea del progetto OpenOffice.org.

 

CARATTERISTICHE HARDWARE RICHIESTE

Sul CDROM di StarOffice sono elencati i requisiti di sistema. Tali requisiti sono anche consultabili online.

^top

MODALITÀ, TEMPI E DIFFICOLTà DI INSTALLAZIONE

Il cd che viene fornito contiene, oltre a StarOffice 7.0 anche l'applicazione Adabas per la creazione e gestione di database. Ognuno di questi software richiede una installazione distinta.

Installazione di StarOffice 7.0
La modalità di installazione dipende dal sistema operativo utilizzato e può essere monoutente oppure mutliutente.
Inserendo il CD su una macchina con sistema operativo Windows e lasciando che avvenga l'autoavviamento, partirà automaticamente solo l'installazione monoutente. Il wizard d'installazione non permette di passare alla installazione di tipo multiutente. E' molto semplice e conduce alla completa installazione di Star Office 7.0.

Se invece, si desidera una installazione in modalità multiutente sarà necessario agire manualmente. Sarebbe stato molto meglio includere nel wizard la possibilità di scelta mono/multiutenza dal momento che quest'ultima è ormai la normale modalità di lavoro in molte scuole. Ricordiamo che la multiutenza permette l'utilizzo dell'applicazione da parte di più utenti sullo stesso sistema (computer o rete). Le fasi da svolgere sono le seguenti:

  • per l'installazione di rete, che si avvia con il comando setup /net dal CD-ROM. Esegue la prima parte dell'installazione, copiando sul disco i file del programma di uso comune (180-250 MB). Necessita dei diritti di amministratore. La directory proposta per l'installazione è c:\programmi\StarOffice7. Il setup termina dopo circa 5 minuti.
    La guida d'installazione fornita è consultabile all'indirizzo <unità CD drive>\documentation\pdf\SETUP_GUIDE.PDF ed è molto completa e corredata da immagini descrittive. Ricordiamo, infine, che se si intende permettere agli utenti di effettuare l'installazione workstation, è necessario condividere la cartella di installazione.
  • Installazione workstation. Una volta terminata l'installazione di rete, ogni singolo utente deve localizzare sulla rete stessa ed avviare il file d'installazione <directory di installazione>\program\setup.exe. In alternativa può individuare e lanciare un qualsiasi applicativo della suite (sostituire a <directory di installazione> il valore corretto, e.g. c:\programmi\staroffice7).
    I dati utente vengono salvati all'interno di c:\Documents and settings in Windows 2000.
    La procedura dura circa 90” e, a differenza della versione precedente, si svolge regolarmente, senza presentare messaggi di errore che potrebbero disorientare l'utente inesperto.

I tempi riportati non tengono conto delle scelte da effettuare in caso di installazione personalizzata e della lettura delle pagine iniziali contenenti informazioni sui problemi noti e le licenze d'uso che è consigliabile leggere con attenzione. Nel test sono state mantenute le scelte standard.

Il computer utilizzato per le prove è un Pentium III 550, 384 MB di RAM, con sistemi operativi Windows 2000 e GNU/Linux Linux-Mandrake® 9.1.

L'installazione di StarOffice è andata avanti senza problemi installando anche l'ambiente Java e rilevando la eventuale presenza di Adabas solo nel caso in cui sia installato nel percorso consigliato. In Linux l'ambiente Java si installa separatamente e non è fornito nel cd rom di installazione di StarOffice.

Installazione di Adabas
La procedura d'installazione è la seguente:

  • si lancia il setup come utente con diritti amministrativi
  • si configurano le variabili d'ambiente come specificato nel file README presente nel CDROM e si impostano i permessi in scrittura della cartella <directory di installazione>\sql per ogni utente Adabas.

Bisogna porre attenzione nella scelta del percorso di installazione, la cartella non deve essere la stessa di StarOffice ed il percorso non può superare i 40 caratteri né contenere caratteri speciali come lo spazio o la barra /.
La procedura di installazione è stata completata in circa 90”.

TEMPI DI AVVIAMENTO

La struttura delle finestre,le posizioni dei pulsanti, le funzioni presenti sono simili a quelle di altre suite per ufficio.
Quindi chi già utilizza altre suite per ufficio necessiterà di un tempo di apprendimento limitato che non dovrebbe ostacolare un eventuale passaggio.
Chi già ha esperienza con i database non dovrebbe avere problemi con il modulo Base: la guida incorporata nella suite fornisce gli elementi indispensabili per connettersi a database. Altre utili informazioni sono reperibili nel manuale "Setting up database connections" di StarOffice 6.0.

PRO E CONTRO

Di seguito sono elencati pregi e difetti relativi alle caratteristiche generali del prodotto.

PRO

  • Interfaccia intuitiva
  • Ulteriormente migliorata la compatibilità con Microsoft Office
  • Possibilità di esportare in formato pdf con un solo clic
  • Modalità di installazione semplice; non più presenti alcuni errori che affliggevano la versione precedente
  • Formato di default aperto (XML)
  • Manuali forniti in italiano, molto puntuali. Altra documentazione in linea.
  • La possibilità di installare le suite su piattaforme diverse può aiutare ad uniformare la dotazione di software in scuole che utilizzino più sistemi operativi per i client
  • Costo contenuto della licenza per StarOffice. Per le scuole, il MIUR ha stipulato una convenzione con Sun Microsystems per la distribuzione gratuita della suite alle scuole, con possibilità di redistribuzione a personale e studenti.
  • OpenOffice.org è liberamente modificabile e distribuibile in quanto distribuito con licenza opensource

CONTRO

  • In un'installazione di rete il caricamento dei file dal server rallenta parecchio il programma.
  • L'importazione/esportazione da suite diverse da quella di Microsoft è ormai abbandonata
  • L'accesso ai database da interfaccia grafica non è ancora ottimale, ed ha presentato qualche problema

DATABASE

La suite StarOffice 7 include StarBase uno strumento che permette il semplice accesso a basi di dati.

Inoltre la suite è affiancata da uno strumento più potente e dedicato specificatamente alla creazione e gestione di basi di dati: Adabas.

Per completezza delle informazioni riportate, si specificano alcune caratteristiche del pc utilizzato per le prove sul database:

CPU Pentium IV 1.6GHz
RAM 256MB
sistema operativo Windows 2000 Workstation
risorse utilizzate in assenza di applicazioni avviate dall'utente:
carico CPU 2-4%
RAM 35-40%.
dimensioni del database mdb utilizzato per le prove 58MB

DATABASE: StarBase

StarOffice 7 contiene il modulo Base che fornisce funzionalità per aprire database esterni. Attraverso un explorer si può accedere a database esterni con interfaccia ADO (Microsoft ActiveX Data Objects) come Access 2000, driver JDBC (Java DataBase Connectivity) o ODBC (Open DataBase Connectivity), accedere a directory LDAP, database MsSQL o file di testo specificando i caratteri separatori.
Purtroppo la connessione a database esterni tramite ADO, che consente l'apertura di archivi Access, è possibile solo in Windows. Ciò è dovuto al fatto che ADO richiede MDAC (Microsoft Data Access Component), che esiste solo per tali sistemi operativi. Questa è una limitazione piuttosto forte, anche in considerazione della diffusione di Access.

Una volta aperto un archivio è possibile inserire, eliminare, copiare campi o record di un database in un documento o viceversa, anche utilizzando la funzione drag&drop.
A differenza degli altri database, i file di testo non possono essere modificati dalla sorgente dati, ma è possibile aprirli in calc o writer, modificarli, salvare le modifiche e poi aprirli come sorgente dati.
Quando un database esterno è aperto con StarBase è possibile creare nuove tabelle che saranno memorizzate nel database originale, mentre eventuali form, query e report creati saranno salvati separatamente ed accessibili solo tramite StarBase.

L'integrazione tra i diversi moduli del programma consente di importare dati da un archivio aperto tramite StarBase in un qualsiasi documento aperto in StarOffice, utilizzando anche il Drag&Drop.
Per semplificare l'operazione di creazione di query e report StarOffice dispone di un pilota automatico che guida l'utente passo passo.

L'interfaccia di StarBase è molto simile a quella di Access, pur con minori funzionalità. Comunque è possibile intervenire anche direttamente sul codice SQL. Se non si dispone di database esterni è possibile creare nuovi archivi solo di tipo dBase o in formato testo. Poiché assieme alla suite è fornito il database Adabas D si può creare un nuovo archivio anche per Adabas.
L'accesso ai database è piuttosto lento.

Sono state verificate alcune semplici funzionalità di StarBase. In particolare:

Creazione Form e Report
Il pilota automatico guida molto bene nella creazione sia del form che del report, proponendo diversi tipi di layout e stili. E' comunque in ogni caso possibile intervenire in un secondo tempo sugli oggetti presenti per modificarne l'aspetto.
Creazione Query
La creazione di una query su un database Access di circa 50MB ha creato un problema: la CPU ha raggiunto il 100% dell'utilizzo e, dopo circa otto minuti, è stato necessario chiudere forzatamente il programma in quanto non era possibile utilizzare neanche altre applicazioni. Quindi non è stato possibile creare la query. L'interfaccia per realizzare le query, è molto simile a quella di Access, pur con minori funzionalità.
Access con ADO
Vista la grande diffusione di Access, si è destinata una prova che avesse l'obiettivo specifico di verificare la portabilità di documenti tra i due applicativi.

Tramite ADOè stato aperto in StarOffice un database Access (.mdb). Le tabelle sono state importate correttamente. Le query presenti nel database sono state importate solo in parte. Inoltre, pur contraddistinte in StarOffice dall'icona che caratterizza una query, sono state inserite nel contenitore delle tabelle e considerate tali. Pertanto non è stato possibile modificarne la struttura all'interno di StarOffice.
Nell'accesso ai database spesso il programma è andato in blocco, richiedendo la sua chiusura forzata attraverso il Task Manager di Windows 2000. In tali occasioni la CPU ha raggiunto più volte il 100% delle risorse utilizzate.

Nel complesso, la portabilità di documenti tra i due applicativi (Access e StaBase) è risultata piuttosto scarsa.

DATABASE: Adabas

Oltre alla possibilità di accedere a database esterni attraverso StarBase, StarOffice è in grado di generarne autonomamente dei nuovi grazie a Adabas D, l'applicativo fornito a corredo della suite.

La licenza fornita con il prodotto consente ad un massimo di tre utenti di accedere agli archivi, che possono avere una dimensione massima di 100MB.

Adabas D non è prodotto da Sun Microsystems, ma da Software AG . Una versione di Adabas D è scaricabile gratuitamente da una sezione interna del sito aziendale previa registrazione. Si consiglia sempre di leggere prima la licenza d'uso che è associata al rilascio di questo prodotto. Inoltre, prima dell'installazione, è utile leggere il file readme presente sul CDROM o nell'archivio scaricato dalla rete.

Adabas D è un database relazionale client/server multipiattaforma. Le funzionalità client e server possono essere realizzate su uno qualsiasi dei sistemi operativi supportati. Per connettersi al database è possibile utilizzare JDBC od ODBC.
Per utilizzare Adabas è necessario configurare alcune variabili d'ambiente come specificato nel file README contenuto nel CD. La procedura di installazione provvede a ciò, però nel caso più utenti utilizzino Adabas è necessario provvedere manualmente all'assegnazione delle variabili per i vari utenti. Inoltre la cartella di lavoro %DBROOT%\adabas\sql (ove %DBROOT% è la cartella di installazione) deve disporre dei permessi in lettura e scrittura per gli utenti del database.
Gli archivi possono essere protetti da password.
Tramite StarBase è possibile interagire con Adabas D tramite un'interfaccia grafica che rende più amichevole l'interazione.

Come test è stato creato un nuovo archivio con Adabas D, popolato con qualche semplice tabella e poi creati form, query e report tramite StarBase. Tutto è proceduto regolarmente. Una limitazione fastidiosa è l'utilizzo di soli quaranta caratteri per il percorso dei file relativi ad un archivio, oltre all'impossibilità di utilizzare alcuni caratteri particolari.

Prestazioni rilevate

Senza pretese di analiticità sono state effettuate delle prove circa i tempi che l'utente deve attendere durante l'utilizzo del programma:

Schema delle prestazioni rilevate
Operazione Sun StarOffice 7.0 Microsoft Access 2000
Apertura del database Access 2'25" 1"
Apertura di una tabella immediata immediata
Esecuzione semplice query di selezione Dopo 8' con il 100% di utilizzo della CPU il programma è stato chiuso forzatamente in quanto paralizzava tutto il sistema immediata
Creazione Report 2" 2"
Creazione Form 1" 1"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CONCLUSIONI

StarOffice continuano a conquistare nuovi utenti per le sue indubbie doti e, almeno in GNU/Linux, costituisce, insieme a OpenOffice.org il prodotto di riferimento. In Windows entrambi costituiscono valide alternative a Microsoft Office.
La grafica di StarOffice (pulsanti ed icone) ha subito una profonda modificazione rispetto alle versioni precedenti.

StarOffice è un prodotto stabile dalle qualità consolidata. Le sue funzionalità ben difficilmente scontenteranno il responsabile che ne decide l'impiego nella propria struttura scolastica.
La possibilità di installare le suite su sistemi operativi diversi, l'avanzato supporto linguistico sono ulteriori motivi per la loro diffusione.

La fornitura gratuita della suite alle scuole proposta da Sun è un esempio da seguire, anche per altre categorie di software, da parte di altre aziende. Naturalmente la gratuità pone StarOffice e la suite OpenSource OpenOffice.org in una posizione di vantaggio allorquando si debba confrontarle con altre suite per un'adozione a scuola. La spesa da affrontare per l'acquisto di un'altra suite può essere evitata a meno che non necessitano funzionalità non presenti nelle suite gratuite, eventualità certamente molto remota.

Sempre nell'ambito dei prodotti opensource non vanno dimenticati anche altri prodotti a disposizione gratuitamente come Abisuite™ (elaboratore di testi disponibile per BeOS™, FreeBSD™, Linux, Microsoft Windows, NetBSD™, QNX™, Unix™) e Koffice (suite per KDE/Linux), anche se con minori funzionalità.

^top

Last Updated on Tuesday, 25 September 2007 08:01